Proprio ieri, con l’inizio del Festival di Sanremo è stato lanciato sul mercato italiano Spotify, nel tentativo almeno sulla rete, di “svecchiare” la kermesse canora. Saranno disponibili online, infatti, contenuti in esclusiva di alcuni degli artisti in gara, tra cui Chiara (la vincitrice dell’ultima edizione di X Factor), Max Gazzè e Marta sui Tubi.

Spotify è la multipiattaforma per l’ascolto in streaming e gratuito di tutta la musica del momento e, perchè no, di altri tempi. Infatti, tramite questa piattaforma integrata con Facebook e del tutto social, è possibile ascoltare i propri brani preferiti e anche quelli selezionati dagli altri utenti, creando di volta in volta playlists.

Spotify è disponibile in tre versioni:

Spotify Free – dal tuo computer accedi gratuitamente e in modo immediato a milioni di brani musicali, con la presenza di banner pubblicitari.

Spotify Unlimited – ascolta tutta la musica che vuoi dal tuo computer senza limiti e senza pubblicità, al costo di 4,99 euro al mese.

Spotify Premium – disponibile in multipiattaforma, la tua musica è sempre con te anche offline, su tutti i dispositivi al costo di 9,99 euro al mese.

Che dire, finalmente l’Italia apre le proprie porte a questo strumento che, dal 2008, è già stato scaricato nel mondo 20 milioni di volte, che si ripromette di trovare una soluzione concreta alla pirateria, cercando le parti delle case discografiche le quali sopperiscono alle mancate vendite con i diritti spettanti dalla diffusione della loro musica tramite questa piattaforma svedese, e dall’altro lato degli utenti che rivendicano l’ascolto libero dell’arte della musica.

Bastano 5 minuti per scaricare, iscriversi al servizio per ritrovarsi nella piattaforma con interfaccia vagamente simile a Itunes e ascoltare il primo brano in streaming. Mentre per le funzioni più social “Follow” e “Discovery” e  seguire i gusti musicali dei propri amici e di diversi artisti e “celebrities” dovrete aspettare marzo.

Si può fare di tutto, insomma, tranne che scaricare musica. Spotify intende concentrarsi sullo streaming e lasciare il mercato degli mp3 ad Apple, Google ed Amazon.

Potete scaricare il software gratuitamente da qui

Mentre di seguito il video ufficiale di presentazione che illustra le funzionalità!

 

 




Commenta